Subscribe via RSS Feed Flickr Anobii YouTube

Artelibro 2004

- la presentazione
- la lista degli espositori
- il programma
- la relazione conclusiva

Artelibro Festival del Libro d’Arte” costituisce una novità nel panorama delle manifestazioni italiane che coinvolge due aspetti del mondo della cultura, il libro e l’arte, strettamente collegati  fra loro e, spesso, uniti.

L’idea di istituire il Festival è nata dalla constatazione del crescente interesse per il mondo dell’arte da parte del pubblico e dalla valutazione delle relative implicazioni di carattere professionale ed economico, in Italia e all’estero. Le grandi mostre e le fiere d’arte ne sono certo un segnale, ma non solo; infatti anche le fiere del libro internazionali – Francoforte, Londra, Parigi, Torino, Varsavia, Chicago - dedicano sempre più spazio all’editoria d’arte, intesa in senso ampio e nelle sue varie forme: dal libro strenna al catalogo di mostra e alla guida turistica, dal dépliant al manifesto, dalla grafica pubblicitaria alla multimedialità, dalla rivista scientifica al libro scolastico, dal libro d’arte per l’infanzia alla fotografia e al design. Anche l’architettura e la moda fanno parte del mondo dell’arte, e l’editoria specializzata in questi settori lo dimostra.

Il Festival, promosso dall’Associazione ARTELIBRO, in collaborazione con Regione Emilia Romagna, Provincia di Bologna, Comune di Bologna, Associazione Italiana Editori, si svolgerà a Bologna in Palazzo re Enzo dal 17 al 19 settembre 2004. L’inaugurazione avrà luogo il 16 settembre.

Sarà un evento di grande divulgazione culturale che prevede la partecipazione di circa 100 Espositori di importanza nazionale e internazionale. L’iniziativa vuol essere sia un’occasione di esposizione per favorire il confronto tra le diverse politiche editoriali e di comunicazione, sia un appuntamento di scambi professionali fra editori e altri operatori del settore, sia un momento di sensibilizzazione e attrazione del grande pubblico nei confronti dell’arte e delle sue rappresentazioni; per questo saranno coinvolte anche le gallerie d’arte, nonché le librerie cittadine.

Ci piace sottolineare che analoga manifestazione, in programma a Nantes nel mese di maggio e giunta quest’anno alla sua 5a edizione, rappresenta in Francia un modello di coinvolgimento degli editori, dei librai e delle istituzioni cittadine e nazionali, oltre ad un polo di attrazione di un importante e numeroso turismo culturale internazionale.

Le potenzialità di “Artelibro Festival del Libro d’Arte” per il panorama culturale nazionale e per Bologna sono state fin dall’origine comprese dalle Istituzioni interpellate, sia pubbliche sia private, le quali hanno dimostrato grande interesse e disponibilità:  Regione, Provincia, Comune, Camera di Commercio, Fondazione Carisbo, Ascom, Associazione Industriali, Soprintendenza per il Patrimonio Storico, Artistico e Demoetnoantropologico, Università degli Studi, Associazione Librai Italiani sono tra coloro che a vario titolo hanno scelto di sostenere il Festival e che renderanno possibile l’esistenza, ma anche l’estensione e l’integrazione nella città.

Palazzo re Enzo sarà il cuore del Festival. Una mostra-mercato a ingresso libero occuperà gran parte del Palazzo; presentazioni di libri, tavole rotonde, conferenze e dibattiti, laboratori, mostre,  si svolgeranno, nei tre giorni del Festival,  oltre che in alcune sale e nella corte di Palazzo Re Enzo, in altri luoghi della città messi a disposizione delle Istituzioni che sostengono il Festival. In primo luogo in Sala Borsa, proprio di fronte a Palazzo Re Enzo, particolarmente adatta ad ospitare eventi di grande richiamo.

Le case editrici invitate a partecipare sono state selezionate in base alla qualità. Ci sono editori grandi, piccoli, piccolissimi, italiani e stranieri, tutti di qualità alta: dal Bureau International de l’Edition Française ai F.lli Alinari, dall’Istituto  Treccani alle edizioni del Touring Club, da Franco Cosimo Panini a Motta Editore, da Jaca Book alla Mandragora, e tante altre. Un grande spazio verrà dedicato alle edizioni delle Istituti bancari, che hanno un importantissimo patrimonio, storico e recente, di grande valenza scientifica e culturale, a volte poco conosciuto al di fuori del territorio di competenza. Saranno presenti anche librerie specializzate e stamperie/arti grafiche produttrici in particolare di libri e cataloghi d’arte.

Il calendario degli eventi culturali e degli incontri, in via di definizione, è assai ricco, e altri se ne aggiungeranno: la Biblioteca dell’Archiginnasio esporrà alcuni preziosi libri d’arte dei propri fondi, il Museo Civico Medievale coglierà l’occasione per aprire la Sala Manoscritti con rari codici miniati, in Archivio di Stato potremo vedere le Insignia degli Anziani del Comune di Bologna. Anche la Biblioteca Universitaria e la Biblioteca della Cineteca e della Galleria d’Arte Moderna contribuiranno ad arricchire il panorama espositivo in una sorta di “biblioteca d’arte diffusa”.

Di grande interesse per gli editori d’arte, verrà organizzato dall’AIE un convegno dal titolo ancora provvisorio ma emblematico: “Il groviglio delle tariffe e  delle competenze: la normativa per l’uso delle immagini d’arte di proprietà dei musei”. Sempre per addetti ai lavori, ma non solo, verranno affrontati i temi dell’editoria d’arte di committenza bancaria e quello delle traduzioni e delle coedizioni. La Soprintendenza Beni Librari della Regione Emilia Romagna curerà un convegno cui parteciperanno i responsabili di alcune importanti Biblioteche nazionali specializzate in arte. Sarà oggetto di un incontro anche il tema oggi quanto mai attuale dell’Editore come imprenditore culturale integrato. l’Università di Bologna curerà un dibattito su “Libri, turismo e sviluppo economico”

Grande spazio verrà inoltre dedicato alla fotografia, che godrà di un’attenzione particolare, con la mostra di collotipie “Maestri emiliani: dalla Biblioteca dei Disegni Alinari” e con i workshop di Gianni Berengo Gardin, Franco Fontana e Mimmo Jodice.

La libreria/editrice per bambini Giannino Stoppani, che ha la propria sede in Palazzo re Enzo, esporrà in particolare libri d’arte per l’infanzia.

Le case editrici organizzeranno incontri con autori eccellenti e presentazioni delle novità autunnali, che verranno pubblicati nel programma del Festival. Gli aggiornamenti saranno visibili nel sito www.artelibro.it

Verrà stampato un catalogo/mappa degli espositori che sarà distribuito al pubblico. L’evento verrà inoltre ampiamente pubblicizzato sui media nazionali, con una campagna stampa specializzata e una promozione capillare non solo presso gli addetti ai lavori, ma anche appassionati, studiosi, collezionisti. Un’intera giornata sarà riservata ai giornalisti, che visiteranno gli stand e parteciperanno a conferenze stampa ed eventi collaterali.

Per tutti, espositori e operatori, saranno disponibili particolari condizioni per alberghi e ospitalità.