Subscribe via RSS Feed Flickr Anobii YouTube

Artelibro 2011

la presentazione
- il programma
- gli espositori


Artelibro Festival del Libro d’Arte
L’Arte di fare il Libro d’Arte
8ª edizione
Archeologia / Archeologie

Bologna
23-25 settembre 2011

ARTELIBRO E ARCHEOPOLIS

23-25 settembre 2011: queste le date dell’ottava edizione di Artelibro Festival del Libro d’arte e diArcheopolis – I 2200 anni di Bononia, alla sua prima edizione.

Il 2011 è un anno importante per Bologna: si festeggiano i 2.200 anni dalla fondazione della colonia romana di Bononia e i 130 anni dall’istituzione del Museo Civico Archeologico, una delle più significative realtà culturali della città. ArtelibroComune di Bologna, attraverso il Museo Civico Archeologico, hanno ideato un evento dalla doppia anima, colta e popolare, che celebri degnamente tali ricorrenze. È nato così il progetto Artelibro – Archeopolis, che vede coinvolte le istituzioni culturali cittadine in un week-end interamente dedicato a quest’affascinante disciplina: mostre, rievocazioni storiche, visite guidate tematiche, laboratori didattici per i più piccoli, conferenze e importanti eventi serali.
Tema guida del Festival Artelibro è dunque Archeologia/Archeologie, per proporre al grande pubblico l’interpretazione più ampia possibile del termine e coglierne l’attualità. Un tema volutamente non vincolante per le istituzioni e gli studiosi coinvolti, tale da consentire incursioni anche nel mondo dellibro d’arte e d’artista contemporaneoConferenze, letture, presentazioni di libri e incontri professionali completeranno il programma del Festival.
Dal 23 al 25 settembre le sale di Palazzo Re Enzo e del Podestà, nel cuore del centro cittadino, ospiteranno librai antiquari, editori di pregio, libri d’artista, facsimilari e riviste specializzate. Glieditori d’arte saranno riuniti in una grande Libreria dell’Arte in Piazza Nettuno, di fronte a Palazzo Re Enzo e del Podestà, aperta dal 10 al 25 settembre 2011 e realizzata in collaborazione conLibreria.coop Ambasciatori.
In parallelo la città mostra il suo volto antico con iniziative promosse dal Museo Civico Archelogico e rese possibili anche grazie alla collaborazione con Università di Bologna, IBACN-Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna, e CINECA.

Il progetto Archeopolis si imposta, oltre che su una solida base scientifica, anche sulla presenza di alcuni spunti fortemente innovativi, quali l’utilizzo della rievocazione storica a fini didattici, in linea con i principali musei europei, e l’applicazione all’archeologia di tecnologie informatiche di ultima generazione, come l’utilizzo del sistema QR, già attivo in alcuni Musei dell’Istituzione, ulteriormente potenziato con un percorso dedicato ai 130 anni del Museo.

MOSTRE E LIBRI D’ARTISTA
Con le iniziative dedicate al libro d’artista Artelibro intende continuare nella ricognizione e valorizzazione di questa produzione artistica concentrandosi sullo “scavo” degli anni Sessanta e Settanta. Editori, stampatori ed artisti esporranno nella mostra mercato e importanti mostre saranno allestite negli spazi pubblici della città.

Nell’Aula Magna della Biblioteca Universitaria di Bologna Artelibro propone Libro / Opera. Viaggio nelle pagine d’artista. 1958 – 2011: duecento tra libri e edizioni d’artista della collezione di Danilo Montanari pubblicati in Italia negli ultimi cinquant’anni da artisti come Giulio Paolini, Luciano Bartolini,Lucio FontanaMaurizio Cattelan fino a Joseph BeuysSol Lewitt. All’interno del Museo della Musica è prevista la mostra ControCorrenteRiviste, dischi e libri d’artista delle case editrici della poesia visiva italiana, con opere di artisti quali Emilio Isgrò, Franco Vaccari, Eugenio Miccini, Luciano Ori, Lucia Marcucci, realizzata in collaborazione con la Fondazione Berardelli e il Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato. A Palazzo Re Enzo e del Podestà, si potranno ammirare libri d’artista a tema archeologico di Franco Guerzoni, le pubblicazioni storiche dell’Officina d’Arte Grafica Lucini, il progetto Carta giallina tenacissima di Maurizio Bottarelli. nella Cappella dei Carcerati ci sarà un album-diario di Maurizio Bottarelli e la mostra Come conservare la cultura italiana: dizionari sottolio di Benedetto Marcucci.

Nella Piazza coperta di Salaborsa i 150 anni dell’Unità d’Italia saranno celebrati da un’installazione diLorenzo Perrone a cura di Eli Sassoli de Bianchi, mentre rari libri di Pirro Cuniberti saranno visibili nel Lapidario del Museo Civico Medievale.

LA MOSTRA – MERCATO
Anche quest’anno i librai antiquari italiani e internazionali partecipano numerosi ad Artelibro Festival del Libro d’Arte, rinnovando, insieme con ALAI-Associazione Librai Antiquari d’Italia, la fiducia nella manifestazione e nella città di Bologna: tra questi Libreria Antiquaria Perini, Antiquariat Hans Lindner, Antiquariato Librario Bado e Mart, Archetypon Studio Bibliografico, Arnaldo Forni Antiquariato Librario, Atlantis Studio Bibliografico, Bibliopathos, Chartaphilus – Libri antichi e rari, Galleria Gilibert, Giorgio Maffei, Giuseppe Solmi Studio Bibliografico, Libreria Antiquaria Ex Libris, Il Polifilo Libri Rari, L’arengario Studio Bibliografico, La Darsena, Libreria Alberto Govi, Librairie Ancienne des Trois Islets, Libreria Antiquaria Gonnelli e Casa d’Aste, Libreria Antiquaria Il Cartiglio, Libreria Antiquaria Pregliasco, Libreria Antiquaria Sonia Natale, Librerie Arion, Libreria Antiquaria Brighenti, Libreria Docet, Libreria Editrice Goriziana, Libreria La Fenice, Libreria Paolo Buongiorno, Libreria Xodo, Philobiblon, Prometheos, Seab Libreria, Studio Bibliografico Marini, Studio Montespecchio di Jan Van Der Donk, Studio Bibliografico Gribaudi, Studio Bibliografico Lex Antiqua, Studio Bibliografico Paolo Rambaldi.

Completano la mostra-mercato in Palazzo Re Enzo importanti editori e stampatori di libri di pregio e libri d’artista, tra cui Allemandi & C, Associazione Cultura e Arte del ‘700, Associazione Culturale Specchio sull’Arte e Fondazione Marilena Ferrari, Booklyn Artists Alliance, ColophonArte, CTL-Presse Clemens-Tobias Lange e Libri della Galleria Bordas, Danilo Montanari Editore, Drago Edizioni, Edizioni Nuova Prhomos, Giunti Editore, Il Laboratorio/Le edizioni, Il Navile Carte d’ Arte Associazione Culturale, Ilfilodipartenope, Laboratorio D’Arte Grafica di Modena, Le MagnificheEditrici, Legatoria Antiquaria Apparuti, Lineadarte Officina Creativa, Novacharta,nonché libri-opera  realizzati dagli stessi artisti come i Libri bianchi di Lorenzo Perrone. Presenti anche Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Direzione Regionale per Beni Culturali e Paesaggistici dell’Emilia Romagna, Soprintendenza per i Beni Storici e Artistici di Modena e Reggio Emilia, Unione di Prodotto Città d’Arte, Cultura e Affari dell’Emilia Romagna e Banca Etruria.

La Libreria dell’Arte in Piazza Nettuno ospita la produzione dei maggiori editori tra cui: 5 Continents Editions srl – Adelphi – Adriano Salani Editore – Apogeo Editore – Bompiani – Bononia University Press – Casa editrice Corbaccio – Casa Editrice libraria Ulrico Hoepli – Contrasto – De Luca Editori d’Arte – Editrice Compositori – Edizioni Cineteca di Bologna – Edizioni Mondadori – Fausto Lupetti Editore – Fondazione Centro Studi sull’Arte Licia e Carlo Ludovico Ragghianti – Garzanti Libri – Giangiacomo Feltrinelli Editore – Giulio Einaudi Editore – Giunti Editore – Grafiche Damiani – Damiani Editore – Gribaudo Edizioni – Interlogos – Logos / Taschen – Kowalski Editore – Longanesi & C. – L’Ippocampo – Marsilio – Mondadori Electa – Olschki Editore – Phaidon Press – Ponte alle Grazie – Rizzoli – Skira – Sassi – TEA Tascabili degli editori associati – Ugo Guanda Editore – Umberto Allemandi & C. spa – Zanichelli Editore. Immancabili le case editrici d’arte dedicate all’infanzia, tra cui Artebambini, Babalibri, Carthusia e Crayola

Il Festival riserva inoltre uno spazio alle riviste d’arte, archeologia, fotografia, moda, design, letteratura ed editoria tra le quali Archeologia Viva (I), Artkernel (I), Art e Dossier (I), Arte e critica (I), Artribune(I), Biblioteche Oggi (I), Bollettino d’Arte (I), Casantica (I), C Magazine (CA), Drome Magazine (I),Fotograf (CZ), Gagarin (I), Hot Shoe (UK), Il poligrafico italiano (I), In-Arte (I), La Bibliofilia (I), La Gazzetta dell’Antiquariato (I), Leggendaria (I), Memo Grandi Magazzini Culturali (I), Ojo de pez (E),Print Buyer (I), Rivista d’Arte (I), Springerin (A), Zoom Magazine (I), oltre alle storiche italiane Charta, Alumina, L’Indice dei libri del mese, Il Giornale dell’ArteL’Ospite di Bologna.

ARTELIBRO-ARCHEOPOLIS E IL TERRITORIO. UNA “BIBLIOTECA D’ARTE DIFFUSA”
Molte le iniziative delle istituzioni cittadine, che confermano alla città di Bologna e al suo territorio l’immagine di “biblioteca d’arte diffusa” già sperimentata negli anni passati. Bologna offrirà il meglio del suo straordinario patrimonio librario attraverso le Biblioteche e i Musei della città: filo conduttore l’archeologia e la ricostruzione della storia attraverso libri, stampe e documenti visti come particolarissimi ritrovamenti “archeologici”.

In occasione di Artelibro-Archeopolis la Biblioteca Salaborsa inaugura, in accordo con la Soprintendenza per i Beni archeologici dell’Emilia-Romagna, l’allestimento espositivo e didattico degli scavi romani sottostanti la Piazza coperta. Rivelano i propri tesori il Museo del Patrimonio Industrialecon il percorso guidato lungo i sostegni del Canale Navile e l’Accademia Nazionale di Agricoltura che conduce il pubblico a “scavare” nella storia degli Orti botanici e orti agrari di Bologna dall’Aldrovandi a Martinetti.

Al Museo Civico archeologico la mostra Una giornata alle terme illustra una delle più antiche e frequentate pratiche romane, mentre una vasta selezione di libri di archeologia delle case editrici specializzate invita i visitatori ad approfondire il tema di Archeopolis. Promossa dal Dipartimento di Archeologia dell’Università di Bologna, l’esposizione L’eredità stampata. Libri antichi e rari dalla biblioteca del Dipartimento di Archeologia mostra con fotografie e documenti in che cosa consiste e come viene svolto uno dei più affascinanti e attraenti mestieri del mondo. Presso la Biblioteca dell’Archiginnasio si potrà visitare la mostra QUELL’AMOR D’ANTICO. Le origini dell’archeologia a Bologna nelle raccolte dell’Archiginnasio. Alla Biblioteca Universitaria di Bologna la mostraAntiquitates. Libri di antiquaria dal Cinquecento al Settecento offre preziose e rare immagini tra epigrafia e gemmologia. Dal recupero di elementi del passato l’artista bolognese Mirta Carroli esibisce i suoi Gioielli e frammenti alla Biblioteca e Centro di documentazione delle donne dove viene anche presentata una selezione di libri sul tema Donne soggetto e oggetto dell’archeologia. Il Sistema Bibliotecario di Ateneo e le biblioteche dei Dipartimenti di Arti VisiveIngegneria propongono esposizioni di fotografie e documenti a tema archeologico: nella suggestiva Sala del Consiglio della Facoltà di Ingegneria progettata nel 1935 da Giuseppe Vaccaro, antichi volumi dal fondo storico della Biblioteca Dore documentano le origini dell’archeologia come disciplina di studio e ricerca. Se laFondazione Federico Zeri mette a disposizione dei visitatori una selezione di fotografie d’epoca dalla sezione Archeologia della Fototeca Zeri, una mostra-laboratorio dal titolo Archeologi del 6000. Reperti dalla contemporaneità sarà il contributo del Dipartimento educativo di MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna in collaborazione con gli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Bologna. I Musei Civici d’Arte Antica sono presenti con la mostra Tra Corrado Ricci e Francesco Malaguzzi: pagine da “Emporium” e dalla Divina Commedia mentre al Museo Civico d’Arte Industriale eGalleria Davia Bargellini si potrà visitare l’esposizione Francesco Malaguzzi Valeri: il Museo Davia Bargellini e il suo creatore. Al Museo Civico Medioevale, la mostra Kinku. Sigilli dell’età del bronzo dalla regione di Gaziantep in Turchia accompagnata dall’installazione contemporanea di Chiara Castria, ci porta nel cuore di una delle più antiche civiltà orientali.

L’ACCAMPAMENTO ROMANO
Fulcro di Archeopolis sarà un grande accampamento romano posizionato in piazza Maggiore, realizzato dal Museo Civico Archeologico, in collaborazione con l‘associazione I legio Italica: si entrerà nell’accampamento per giocare, scoprire, immaginare, costruire, e vivere le storie curiose e nuove di un’antica città. I legionari con armi e armature, tende, quartier generale, ospedale da campo e macchine da assedio sono pronti a trasportare tutti i visitatori alla metà del I secolo d.C., ai tempi dell’imperatore Nerone. All’interno del campo vi saranno i soldati pronti a raccontare e a dimostrare come si viveva, quali attività si facevano in tempo di pace, come si combatteva in tempo di guerra.

ARTELIBRO – ARCHEOPOLIS PROFESSIONALE

Sotto la dicitura ARTELIBRO PROFESSIONALE si svolgeranno tavole rotonde e convegni tecnico-scientifici sulle problematiche più attuali dell’editoria d’arte, delle biblioteche e del mercato antiquario. Tra questi segnaliamo l’incontro Più simile del facsimile. Editoria d’arte tra libreria, collezionismo e iPad promosso da AIE-Associazione Italiana Editori che si propone di aggiornare il quadro del mercato con un focus sull’editoria facsimilare. L’argomento, finora poco affrontato, tocca al contrario una parte importante dell’export e dell’internazionalizzazione dell’editoria d’arte. I fondi archivistici, fotografici e librari, in relazione alle raccolte archeologiche, saranno l’oggetto di incontri promossi dallaDirezione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del MIBAC e dalla Soprintendenza per i Beni Librari e Documentari della Regione Emilia-Romagna. L’eredità sospesa. Il mestiere dell’archeologo è invece l’affascinante tema della tavola rotonda promossa dall’Università di Bologna-Dipartimento di Archeologia.

LEZIONI MAGISTRALI, SPETTACOLI, CONFERENZE E CICLI DI INCONTRI

Per gli appassionati e connaisseurs vengono proposte lezioni magistrali di grandi maestri e cicli di conferenze per il grande pubblico. Ad Andrea Carandini, archeologo di fama internazionale e presidente del Consiglio Superiore dei Beni Culturali, è stata affidata la Lectio Magistralis della serata inaugurale di giovedì 22 settembre alle ore 19.00 presso il Teatro Comunale di Bologna, seguita dal concerto del Coro Athena del Museo Civico Archeologico di Bologna dedicato al 130° anniversario del Museo. Nella serata di venerdì 23 settembre si potrà assistere allo spettacolo dell’attore ravennateIvano MarescottiZòla e parsòtt”, ovvero cipolla e prosciutto, che racconta l’“alto” e il “basso” del linguaggio, dalla letteratura colta alla cultura popolare.

I cicli di conferenze vedranno la partecipazione di grandi personalità del mondo dell’arte e dell’archeologia: segreti e desideri verranno svelati ne Il sogno dell’archeologo a cura di Marco Carminati; La forza del mito a cura di Stefano Zuffi indagherà invece sui misteri di alcune delle più affascinanti figure mitologiche della classicità. Tra i protagonisti: Cristina Acidini, Marco Bazzini, Pierangelo Bellettini, Jadranka Bentini, Carla Bernardini, Attilio Brilli, Gianpiero Cammarota, Rosaria Campioni, Flavio Caroli, Mirta Carroli, Luca Cerizza, Duilio Contin, Andrea Dall’Asta, Carla Di Francesco, Andrea Emiliani, Gianluca Farinelli, Marzia Faietti, Luigi Ficacci, Paola Foschi, Filippo Maria Gambari, Paolo Garuti, Paola Giovetti, Louis Godart, Silvia Grandi, Franco Guerzoni, Guido Guidi, Andrea Kerbaker, Giorgio Lucini, Gianfranco Malafarina, Luigi Malnati, Ivano Marescotti, Pierluigi Masini, Paolo Matthiae, Massimo Medica, Chiara Medioli, Piero Mioli, Danilo Montanari, Cristiana Morigi Govi, Alessandra Novellone, Anna Ottani Cavina, Paola Pallottino, Giulio Paolini, Lorenzo Perrone, Eugenio Riccomini, Pierre Rosenberg, Giuseppe Sassatelli, Stefano Salis, Daniela Scaglietti Kelescian, Marco Vallora, Stefano Zuffi.

RAGAZZI

A fianco delle attività dedicate agli adulti, si articola un ricco programma di mostre, concorsi, giochi e laboratori riservati all’infanzia e all’adolescenza che si svolgeranno al Museo Civico Archeologico e nelle principali biblioteche cittadine. Negli spazi di Salaborsa Ragazzi sarà possibile vedere e consultare i più interessanti libri di archeologia del patrimonio librario selezionati secondo quattro filoni principali, età egizia, greca, etrusca, romana; al Museo Civico Archeologico le tavole dell’ARCHEOGAME, illustrazioni e storie per bambini all’insegna del gioco e dell’archeologia, si ammireranno nella mostra Stiamo scavando per voi promossa da Edizioni Còccole e Càccole mentre in Vota il tuo preferito verranno esposti gli elaborati dei bambini che hanno partecipano ai laboratori sull’antico. Laboratori e attività sperimentali saranno attivati in collaborazione con Start-Laboratorio di culture creative, Cooperativa Giannino StoppaniAssociazione Mus-e Bologna.

I SITI DI ARTELIBRO E DI ARCHEOPOLIS

www.artelibro.it nella versione italiana e inglese, continua a svolgere la propria funzione di supporto e di diffusione per, e con, l’editoria d’arte italiana e internazionale. I visitatori possono commentare le notizie pubblicate, e navigare più agevolmente grazie all’inserimento dei tag sulle news, che permettono di scegliere l’argomento. E’ inoltre attivo il collegamento con tutti i profili dei social network più noti (facebook, flickr, youtube, anobii). In particolare la libreria di anobii può essere condivisa da tutti, e contiene i libri d’arte e i cataloghi consigliati da Artelibro. Per rimanere aggiornati su tutti gli eventi di Artelibro vi invitiamo a iscrivervi alla newsletter e ai feed RSS.

www.archeopolis.net è il sito dedicato ad Archeopolis, in cui trovare aggiornamenti e informazioni sul programma. Nei giorni del festival la pagina su Facebook si riempirà di notizie, curiosità e aggiornamenti in tempo reale.